Olio evo e la salute del cervello: gli effetti positivi sui processi cognitivi

L’olio extravergine d’oliva è un elisir dalle innumerevoli proprietà benefiche, di cui non ci stanchiamo mai di parlare.
Oltre ad abbassare il colesterolo e ridurre le malattie cardiovascolari, secondo la scienza può anche migliorare la salute del cervello e rafforzare la memoria negli individui con lieve deterioramento cognitivo.

Secondo uno studio recentemente completato da Amal Kaddoumi presso l’Harrison College of Pharmacy della Auburn University, l’olio extravergine di oliva può avere effetti positivi su individui con decadimento cognitivo lieve. Le scoperte, recentemente pubblicate sulla rivista “Nutrients”, suggeriscono che i composti presenti nell’olio d’oliva influiscono sulla salute del cervello e migliorano la barriera emato-encefalica.

La connessione tra olio evo e salute del cervello

Kaddoumi, professore presso il Dipartimento di scoperta e sviluppo di farmaci del college, ha utilizzato 25 partecipanti con lieve deterioramento cognitivo nel suo studio che includeva il consumo di 30 millilitri, o circa tre cucchiai, di olio evo al giorno per sei mesi.
Tredici partecipanti hanno consumato olio extra vergine di oliva e 12 hanno consumato olio d’oliva raffinato.
L’olio evo è ricco di fenoli, una classe di composti organici contenenti un gruppo ossidrile e un anello benzenico, mentre quello raffinato è stato purificato dai fenoli.

“I partecipanti sono stati sottoposti a diversi test prima e dopo il consumo di olio d’oliva, tra cui scansioni MRI, una batteria di test cognitivi e analisi del sangue per biomarcatori correlati al morbo di Alzheimer”, ha affermato Kaddoumi. “I nostri risultati hanno mostrato che olio evo e olio d’oliva raffinato hanno migliorato la funzione cognitiva come determinato dal miglioramento della valutazione clinica della demenza e da altri punteggi comportamentali”.

La ricerca su olio evo e pazienti con deterioramento cognitivo

 

i benefici dell'olio evo nella salute del cervello

Ma i risultati erano uguali con l’assunzione di due oli diversi?

  • l’olio evo ha migliorato la funzione della barriera emato-encefalica e la connettività funzionale tra le diverse aree del cervello
  • l’olio d’oliva raffinato ha aumentato l’attivazione cerebrale funzionale a un compito di memoria nelle regioni del cervello coinvolte nella cognizione.

La barriera emato-encefalica e la sua permeabilità sono indicatori chiave in questo studio.
Essendo una rete di vasi sanguigni e tessuti costituita da cellule ravvicinate, la barriera emato-encefalica svolge un ruolo fondamentale nel mantenere un cervello sano proteggendolo dall’esposizione alle neurotossine correlate al sangue e nella rimozione dei prodotti di scarto del cervello.

Una barriera emato-encefalica funzionale è vitale per un cervello sano.

Sono stati evidenziati anche dei risultati riguardo i biomarcatori del sangue: l’assunzione di entrambi gli oli ha alterato due principali biomarcatori correlati al morbo di Alzheimer, vale a dire la beta-amiloide e la fosforilazione della tau, suggerendo che hanno cambiato l’elaborazione e la clearance della beta-amiloide.

Queste alterazioni collettivamente potrebbero aver svolto un ruolo nel miglioramento della barriera emato-encefalica e nel miglioramento della funzione e della memoria.
I risultati sono coerenti con le scoperte precliniche di Kaddoumi condotte su modelli murini di malattia di Alzheimer.
Lo studio pilota su individui con decadimento cognitivo lieve è il primo a esaminare ciò che accade direttamente al cervello negli esseri umani quando si consuma olio extravergine d’oliva.

Una scoperta sorprendente dello studio sono stati i risultati del gruppo di controllo: i composti benefici trovati nell’olio d’oliva sono più diffusi nell’olio evo, ma anche quelli nel gruppo raffinato hanno visto miglioramenti.
Anche con la necessità di ulteriori studi, Kaddoumi è entusiasta di vedere i risultati del suo studio pilota e cosa potrebbe significare per coloro che vivono con l’Alzheimer, la demenza e altri problemi cognitivi.

Perché questo tipo di risultati sono interessanti? Perché supportano i benefici per la salute dell’olio extravergine d’oliva contro il morbo di Alzheimer.

Sulla base dei risultati di questo studio e di precedenti studi preclinici condotti, i ricercatori hanno concluso che l’aggiunta di olio evo alla nostra dieta potrebbe mantenere un cervello sano e migliorare la funzione della memoria.

Sebbene lo studio abbia utilizzato partecipanti con lieve deterioramento cognitivo, Kaddoumi afferma che i prossimi passi includono uno studio clinico più ampio che includa individui cognitivamente normali. Con i risultati sorprendenti dell’olio d’oliva raffinato, immagina anche una prova con una varietà di gradi di olio.

 

In che modo l’olio extravergine d’oliva aiuta il cervello?

 

gli effetti positivi dell'olio evo sulla salute del cervello

Precedenti studi hanno dimostrato che una dieta ricca di frutta, verdura, legumi, cereali e grassi sani, con una piccola quantità di carne, si traduce in una minore incidenza di demenza.

Ma l’olio extravergine di oliva è stato individuato come ingrediente chiave, identificando i meccanismi alla base degli effetti protettivi di questo olio:

  • riduce l’infiammazione cerebrale
  • attiva un processo chiamato autofagia, in cui le cellule si rompono ed eliminano i detriti e le tossine intracellulari. Se ciò non accade, può segnare l’inizio della malattia di Alzheimer
  • gli scienziati ritengono che l’olio extravergine di oliva sia migliore della sola frutta e verdura e, in quanto grasso vegetale monoinsaturo, sia più salutare dei grassi animali saturi.

Negli esperimenti i topi a cui è stata somministrata una dieta arricchita con olio extravergine di oliva hanno ottenuto risultati significativamente migliori nei test.

I vantaggi includono:

  • potenziamento della memoria di lavoro
  • migliorare la memoria spaziale
  • migliorare le capacità di apprendimento.

Ora che gli scienziati sanno che l’olio evo aiuta a ritardare l’insorgenza della demenza, vogliono fare ulteriori ricerche per vedere se aiuta una volta che la condizione ha già preso piede.

Quanto olio evo è necessario consumare?

Per ottenere i benefici per la salute, il corpo generale della ricerca afferma che 1-2 cucchiai di olio extravergine di oliva al giorno miglioreranno la pressione sanguigna, proteggeranno il cuore e il cervello, quando lo aumenti a 3 o 4 cucchiai anche l’olio aiuta con la perdita di peso.

 

olio evo e Puglia: scopri la collezione 4 stagioni

SCROLL UP
Bisogno di aiuto?