A cosa serve l’olio extravergine d’oliva?

a cosa serve l'olio evo

L’olio evo, o olio extravergine d’oliva, ha origini molto antiche ed è il succo ottenuto da sole olive.
Avete letto bene: l’olio extravergine d’oliva si ottiene solo grazie ad un processo di estrazione meccanica, mentre in passato per sgocciolamento o pressione.

Il Frantoio D’Orazio utilizza solamente il processo di estrazione meccanica.
Con la spremitura a freddo otteniamo un olio evo di qualità superiore, l’acidità è compresa tra lo 0,0% e 0,8%.
Solo in questo modo è possibile ricavare un vero e proprio succo di frutta: l’olio evo.

Si può utilizzare per cucinare, da impiegare in molte ricette come sostituto del burro o nella preparazione di ricette e prodotti che prevedono proprio l’olio, come i nostri amati taralli pugliesi all’olio evo.

Ma il suo uso più raccomandato è come ingrediente a crudo: un giro d’olio a piatto ultimato ed avrà tutto un altro sapore.
L’olio EVO è il miglior grasso alimentare per valori nutrizionali ma attenzione a non esagerare: contiene 9 kcal per grammo, è quindi molto calorico.

Perché l’olio evo fa bene

Addirittura l’FDA (Food and Drug Administration) l’ente governativo che in America si occupa di alimenti e medicine, dalla fine del 2018 l’ha dichiarato non più come semplice alimento ma come medicina.

Secondo la FDA, è sufficiente ingerire 2 cucchiai al giorno di Olio EVO a crudo per trarne tutti i benefici.
Anche per questo possiamo affermare che l’utilizzo dell’olio evo all’interno della dieta mediterranea sia una pratica salutare.

Noi ci riferiamo sempre all’olio extravergine di oliva italiano ovvero coltivato, prodotto e controllato in Italia per mantenere la qualità organolettiche che lo distingue.
L’olio evo è un alimento nutraceutico straordinariamente efficace per proteggere la nostra salute.
Gli alimenti nutraceutici sono tutti quelli che hanno lo scopo di favorire i processi fisiologici dell’organismo.
Sono sostanze di origine naturale, in particolare vegetale, ma si possono trovare anche vitamine, sali minerali e altre sostanze di sintesi chimica.
Oltre all’olio evo, altri alimenti nutraceutici sono la frutta fresca, le crucifere, la frutta secca e il tè verde.

 

I benefici dell’olio evo

L’olio extravergine d’oliva è un prodotto di alta qualità che presenta tantissimi benefici per la salute.
L’olio deve essere di qualità come ad esempio gli oli monocultivar o blend del Frantoio D’Orazio.

Ad esempio l’olio, tra le diverse sostanze essenziali per l’organismo umano, contiene i polifenoli.
Cosa sono i polifenoli? Molecole organiche naturali che hanno un potere antiossidante e reagiscono con i radicali liberi presenti nel corpo umano, eliminandoli.
I polifenoli sono maggiormente presenti negli oli pregiati: più l’olio è ricco di queste molecole, più è pregiato e di alta qualità!

Vediamo insieme i benefici nell’utilizzo quotidiano dell’olio evo nell’alimentazione:

  • nella dieta mediterranea viene utilizzato come condimento per insaporire e rendere unici i piatti: non è un caso infatti che sia entrata a far parte dei patrimoni UNESCO
  • alza l’aspettativa di vita: nei paesi dove viene maggiormente utilizzato si vive più a lungo, ovvero in Italia e in Grecia
  • è ricco di vitamine (soprattutto la vitamina E), contrasta l’invecchiamento e rende la pelle più luminosa
  • tiene a bada il colesterolo: spesso la correlazione tra olio e colesterolo viene fraintesa e si pensa che sia un male, al contrario l’olio fa bene!
  • aiuta la salute cardiovascolare: è ricco di acidi grassi monoinsaturi, abbassa la pressione arteriosa e inoltre riduce anche il rischio di malattie come trombosi, ictus, infarti e neoplasie
  • un buon olio evo combatte il diabete e riduce i picchi di glicemia dopo i pasti
  • grazie alla molecola oleocantale agisce sul corpo come analgesico e antinfiammatorio
  • è un alimento altamente digeribile che aiuta l’intestino
  • previene l’osteoporosi favorendo l’assorbimento di calcio nell’organismo
  • ritarda lo sviluppo dell’Alzheimer: secondo, uno studio Chemical Neuroscience, è l’oleocantale a ridurre l’insorgere della malattia.

 

Ma quanto olio evo si può consumare al giorno?

Premettendo che queste sono solo linee generali e che spesso se si è in cura da un nutrizionista o si segue una dieta specifica potrebbero variare, si consiglia di utilizzare dai 2 ai 4 cucchiai di olio evo al giorno, che vanno accompagnati da uno stile di vita sano e attivo.
Il consumo di olio evo diventa troppo ed è ritenuto eccessivo quando supera i 100 g al giorno: un consumo elevato, come per ogni alimento, è sconsigliato perché verrebbero a meno le proprietà eccellenti elencate prima.

E questi sono solo alcuni dei benefici dell’utilizzo dell’olio evo nell’alimentazione quotidiana.
Iniziate da subito ad utilizzare prodotti di qualità: sentirete che differenza!

SCROLL UP